Cassaz. 13/02/2020 n. 3599 – IVA, inerenza, favor rei

Descrizione

Sintesi.

IIl testo della sentenza

LaCassazione rinvia alla CTR Lombardia la “contesa”  sul tema dei costi infragruppo. Qui sussiste il principio per cui l’onere della prova,in in quanto ad esistenza e inerenza dei costi sopportati incombe sulla società che affermi di aver ricevuto il servizio, occorrendo che la controllata tragga dal servizio remunerato un’effettiva utilità e che quest’ultima sia obiettivamente determinabile e adeguatamente documentata. Riguardo l’IVA la circostanza che un’operazione economica sia effettuata ad un prezzo superiore o inferiore al prezzo normale di mercato deve ritenersi irrilevante: non c’è elusione o evasione fiscale se i beni o i servizi sono forniti a prezzi artificialmente bassi o elevati fra le parti che godano entrambe del diritto a detrazione IVA, essendo solo a livello del consumatore finale che può verificarsi una perdita di gettito fiscale.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Cassaz. 13/02/2020 n. 3599 – IVA, inerenza, favor rei”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *